Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: (1839 - 1914)
Il Dott. Domenico FRANCO, nato a Gallipoli nel 1839 e morto a Taviano nel 1914, è stato un medico non solo preparato, ma di una cordialità rimasta proverbiale.

Laureatosi giovanissimo presso l’Università di Napoli, si trasferì a Taviano negli anni immediatamente successivi in qualità di medico condotto. Fu il primo nel nostro Comune ad avere tale incarico e la sua opera di medico e di uomo fu altamente meritoria. Egli con motto di spirito, un gesto, una parola, una pacca sulla spalla teneva su il morale dell’ammalato e di quanti a lui erano vicini. Possiamo dire che in un certo senso incoraggiava la confidenza, non solo, ma favoriva la richiesta di informazioni sulla malattia e l’invito a richiedere la sua presenza senza alcuna preoccupazione di poterlo infastidire. I vecchi di alcuni decenni fa ne parlavano con ammirazione, perché “don Domenico” era molto alla mano, dicevano, e averlo vicino sia nei momenti tristi che in quelli lieti era un piacere e un conforto.
Nominato Socio benemerito dell’Accademia Fisico-Chimica d’Italia per meriti specifici conseguiti nell’esercizio della professione, ebbe l’onore di essere insignito di Medaglia d’oro per l’opera svolta al tempo dell’epidemia di colera.
Se ai diversi aspetti qualitativi che abbiamo appena illustrato aggiungiamo che non era insensibile ai bisogni dei poveri è facile immaginare quanto alto fosse l’indice di popolarità.
Apprezzato come medico e come uomo ha lasciato di sé un caro e ottimo ricordo, testimoniato dalla intitolazione di una strada.
 

Torna a inizio pagina