Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: (1925 - 2000)
La intitolazione al suo nome della piazza [già nota come largo Convento] serva a conservare il ricordo di una figura esemplare di sacerdote.

Per poter tracciare un profilo compiuto di don Luigi, sacerdote, si dovrebbe avere la capacità di leggere la vita dal di dentro, diversamente ogni descrizione è approssimativa, specie quando la realtà della persona è stata più nell’essere che nell’apparire. così è per il nostro don Luigi. più facile dire di Lui parroco, anzi primo parroco della parrocchia “Beata Vergine Maria Addolorata”, perché le opere sono lì, anche se dicono poco all’impegno che “il Convento” ha richiesto per essere quello che è.
Il sacerdote don Luigi è venuto a Taviano nel 1951, quando gran parte della nostra gente viveva ancora in condizione di povertà, abitava in case di una o due stanze, dalle pareti umide e dal pavimento scrostato di malta battuta, era impegnata nel lavoro dei campi dall’alba al tramonto. […].Don Luigi, giovane sacerdote, destinato ad una Parrocchia appena consacrata e ad una popolazione tutta da scoprire, cercò l’incontro, il colloquio, la confidenza di quella gente rassegnata, priva di speranze e lo fece con la discrezione e la maniera garbata che gli erano proprie. […].
La frugalità e semplicità di vita, il suo modo di colloquiare, la sua capacità di ascolto, il suo carattere buono e comprensivo fecero da supporto alla sua opera di affrancamento dalla condizione di sfiducia e di avvilimento di quelle donne e di quegli uomini, che alla fine gli aprirono le porte e i cuori. […].
Del parroco parlano le opere realizzate. Don Luigi ha saputo esaltare la funzione della Chiesa parrocchiale, scuola non solo di cristiane virtù, ma anche di educazione morale e civile.
La sera dell’intitolazione, il 24 novembre 2002, ad appena due anni dalla morte, la piazza si caricò di spiritualità e della presenza virtuale di don Luigi, del quale ognuno amava raccontare e ricordare e soprattutto dire della sua devozione sena limiti per la nostra Madonna del Miracolo. […].

Don Luigi è nato a Copertino  il 06.03. 1925 ed è morto a Veglie il 24.11. 2000.

Torna a inizio pagina