Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: (1907 - 1971)
La Civica Amministrazione ha ritenuto di rendergli il dovuto onore con la intitolazione della Biblioteca Comunale.

Nacque a Taviano il 24-07-1907 da famiglia di modesti agricoltori. Studiò Giurisprudenza presso l'Università di Bari, ove conseguì la laurea. Sentì l'attività forense come Arte, ignorandone il mestiere. Scelse per naturale inclinazione il Socialismo. Lottò per l'emancipazione della classe lavoratrice che, specie nel Salento, era immersa nel sonno del feudalesimo e dell'oscurantismo. Fu Consigliere Comunale per quasi un ventennio e Consigliere Provinciale dal 1951 al 1960. Di lui ci rimane l'opera "Storia di contadini", pubblicata postuma, che rappresenta la presa di coscienza, da parte dei lavoratori della terra, dei propri diritti sociali contro i sopraffattori e gli sfruttatori. Martino Abatelillo si spense, pianto da tutti, il 18-11-1971.

Torna a inizio pagina