Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_zoocart, Componente non trovato

BIBLIOTECA COMUNALE "M. Abatelillo"

Categoria Musei e biblioteche

PALAZZO MARCHESALE "A. De Franchis"

COSA OFFRIAMO:

Sala lettura : 1
Sala studio :1
Posti lettura: 45
Postazioni Internet: 3
Sezione piccolissimi con 7 posti lettura

- Attività per bambini e ragazzi SI
- Ascolto e visioni SI
- Riviste e giornali in abbonamento SI
- Materiali multimediali SI
- Visite guidate SI
- Fotocopie SI

Responsabile del Servizio: Sofia UNGARO

Prestito:
- Possono usufruire del servizio tutti gli utenti, senza esclusione di età, previa iscrizione;
- Il prestito, gratuito, ha la durata massima di 30 gg;
- Possono essere presi in prestito tre documenti per volta;
- Il prestito può essere rinnovato alla scadenza se non sono pervenute altre richieste
per quel documento.

Prestito interbibliotecario:
La Biblioteca garantisce il servizio di prestito interbibliotecario; con le Biblioteche
del Sistema, tale servizio è effettuato in regime di gratuità reciproca; con le altre si
rispettano le condizioni poste dalla Biblioteca prestante.

Patrimonio:

La Biblioteca Comunale possiede due incunaboli (libri stampati nel corso del quattrocento e i primi del cinquecento) uno del 1495 e uno del 1498. Il primo (in cinque tomi) è una Bibbia in latino commentata e preparata da Nicolai de LYRA, il secondo del 1498 è la prima parte di una summa (raccolta) di Alberto MAGNO. Oltre ai due incunaboli, vi sono testi librari del '500, del '600, del '700 e del '800. Il materiale librario del Fondo Antico proviene per la maggior parte dal Convento dei frati Riformati, ordine religioso scioltosi nel 1864/65. Si tratta di opere a stampa prevalentemente di carattere teologico, filosofico e scientifico. La bibliografia del Fondo Moderno comprende narrativa, letteratura, e saggistica di carattere umanistico e scientifico, enciclopedie e dizionari. Una ricca sezione è dedicata all'argomento salentino-lucano e alla storia locale.
Il Fondo moderno proviene da acquisti da parte del Comune e da doni di privati cittadini.
L’emeroteca è costituita da quotidiani locali e dalle riviste Focus , Focus D&R e Famiglia Cristiana.
.Nella biblioteca è ospitata la pinacoteca donata dal Geom. Antonio Piccinno di Taviano, ed una videoteca, donata dalla famiglia del Prof. Luigi Tenuzzo di Taviano.
Cataloghi esistenti
 per autori;
 per argomento;

Scheda dei desiderata
Gli utenti che intendono proporre alla Biblioteca l'acquisto di materiale librario possono annotare le relative segnalazioni sull'apposita scheda dei desiderata.

Un po’ di storia:
Venne Istituita con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27/1963 ma le origini risalgono al Convento dei Frati Riformati di Sant’Antonio in Taviano. L’inaugurazione ufficiale è avvenuta nel 1987.
“Attendendo al recupero di documenti necessari all’Archivio comunale, il Regio Delegato straordinario incaricato per la temporanea reggenza del Comune di Taviano (Avv. Girolamo Congedo) si imbatté in una raccolta di libri dei quali, successivamente, venne a sapere la provenienza :il Convento dei frati Riformati di Sant’ Antonio in Taviano.
Questi antichi testi a stampa, acquisiti insieme con gli altri beni confiscati con la soppressione dei conventi, avrebbero dovuto costituire il fondo antico di un istituto bibliotecario comunale”. ( CFR. La Biblioteca Comunale “Martino Abatelillo” di Taviano-la storia gli Incunaboli le Cinquecentine, di Claudia Costantino, Congedo Ed.2001).
Inoltre come continua la stessa Costantino “...poiché i frati, quando il convento era ancora in costruzione, cercavano di procurare i primi testi per la loro biblioteca, i De Franchis (Marchesi di Taviano) si impegnarono anche a procurare i libri per la biblioteca del convento...”.
Ecco una breve descrizione tratta dalla Relazione del Regio Delegato straordinario avv. Girolamo Congedo riguardante lo stato della Biblioteca nel 1887:
“Libri ammucchiati nel massimo disordine, confusi con atti di archivio,avevano schiacciato, pel peso esorbitante,scaffali di intarsiato legno con capitelli dorati. Il sudiciume ascondeva una data preziosa, che potei leggere su d’uno di quegli scaffali: 1753. Seppi che la biblioteca proveniva dall’abolito convento dei Riformati. Mi posi all’opera di riordinarla, coadiuvato dal maestro elementare Sig. Luigi Calorì e dal sacerdote Ambrogio Mosco. L’entusiasmo febbrile mi assalse. Fugai i ragni raunai le sparse carte di quei fiori della scienza, avvizziti dai topi del Municipio più roditori di quelli del convento. Racquistai volumi, che seppi detenersi dai privati. Ed ora la nettezza e l’ordine tengono il posto dello scempio e dell’ignavia. La biblioteca comunale ha già il suo catalogo in duplice esemplare, di cui uno in archivio, un altro affidato ad un bibliotecario,eletto da me senza compenso. Ho poi rivolto una circolare ai miei amici, alle pubbliche autorità,ai circoli scientifici e letterari, agli editori,agli scrittori alle persone più chiare per atti generosi, affinché mi fornissero doni di libri, che il Municipio non potrebbe acquistare a causa della finanza negativa. E sono lietissimo di parteciparvi, che già molti han risposto all’appello,inviandomi delle opere e dandomi a sperare, che questa biblioteca possa man mano completarsi, perché risponda ai bisogni degli studiosi e della civiltà dei tempi......”

Orari di apertura

dal 01/01 al 31/12 dal Lunedì al Venerdì 

ore 09:00/12:00 MATTINA

ore 16:30/19:00 POMERIGGIO

  • Info e recapiti

  • Indirizzo: Palazzo Marchesale "A. De Franchis" - Piazza del Popolo, Taviano
  • Telefono: 0833916223
  • Fax: 0833914365
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mappa

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina